Summer Picnic

IMG_6858 copia

ESTATE, 6 lettere, tre mesi, per una stagione che è un capitolo a sé, non ammette paragoni, è estrosa, eccessiva, piena di cliché, di giornate lunghissime e notti piene d stelle. A testimonianza che è una stagione a sé ci sono gli oroscopi dell’estate; avete mai fatto caso che non siamo bombardati da oroscopi della primavera o dell’autunno a pronosticarci piogge di incontri o occasioni da non mancare? L’estate, invece, arriva sempre con un bagaglio di aspettative che -se bisogna dirla tutta- non sempre la rendono una stagione piacevole. Certo direte il sole, il mare, le sere d’estate ma dove mettiamo il caldo afoso della città quando non si può andare a fare una nuotata nel Tevere? Però è proprio la città che poi ti stupisce perché anche lei è trasformata dall’estate, nei colori, nei profumi, nella luce. L’estate è sentimento del tempo che passa, inizia presentandoti il conto dei mesi passati, ciò che hai raggiunto, le persone che hai incontrato, ciò che non sei riuscito a cambiare e quando finisce ci lascia diversi. Perché l’estate ha questo potere di farci crescere come nessun’altra stagione.
Ci sono estati che durano un istante, volano via così in fretta che sembra quasi di  dover rincorrere i giorni per viverli. Altre invece sono lente, torride come alle due del pomeriggio quando il sole picchia forte e  tutto sembra fermo, sono quelle estati lente della scuola che non riusciamo mai ad apprezzare appieno. Ci sono estati di dolci ricordi, estati che abbiamo odiato, estati troppo calde, estati di progetti falliti e di troppe stelle cadenti senza magia. 
Una nuova estate è iniziata e chi lo sa quanto cambieremo, se capiremo qualcosa in più di noi stessi, se riusciremo ad abbronzarci, a viaggiare, guardare i tramonti sul mare, a trovare la nostra stella.
Intanto noi abbiamo iniziato con un picnic al parco, quando il sole non è troppo forte e l’aria è più fresca, con una scorta delle prelibatezze di pasticceria francese che più ci piacciono, fragole e bibite ghiacciate. E distese sull’erba con uno short gingham che fa tanto picnic abbassiamo il volume dei pensieri e immaginiamo il viaggio che vorremmo fare. Perché anche quando si vive in una città così bella si desidera di essere altrove, solo per un po’, per l’inarrestabile desiderio di conoscere e andare oltre i confini. E mentre si sogna la Provenza diamo un morso ad un eclair per allontanare la malinconia.
Qualche momento dal backstage:
Le prelibatezze francesi? Sarebbe fantastico ma non sono certo della boulangerie sotto casa. Sfidando il caldo Terry è andata fino a Trastevere e di preciso da Le Levain un vero paradiso per i golosi, in ogni caso più vicino della Francia anche se è meglio non sfidare  il traffico di Roma che può benissimo farti impiegare lo stesso tempo di un volo aereo destinazione Paris.
Trovare la luce giusta? Potrebbe essere l’oggetto di studi scientifici dalla posizione degli astri alle giuste condizioni meteorologiche ma poi si risolve tutto con un pizzico di fortuna.
Ciò che non si vede? Il setting è diventato l’angolo più popolare per tutti i quadrupedi del parco bramosi di lanciarsi sui dolcetti francesi e come dargli torto! Scene di altissima comicità riuscire ad allontanarli e lasciare il tutto intatto. I padroni dovranno spiegargli che la prima regola di Instagram è scattare prima di mangiare.

SUMMER, six words, three months for a season that is a separate chapter in the year. It can’t be compared to any other, it’s excessive, full of cliché, of long sunny days and at night beautiful starry skies. The proof of the role played by summer (and the importance we uncounsciously attribute to it ) is given by the countless versions of summer horoscopes we are surrounded by. Have you ever notice that it’s rare to find a spring or autumn horoscope to predict you a rain of life changing opportunities or a fortunate encounter ? That’s the difference. Summer always arrives with so many expectations and ”things you have to do” that to be honest it’s not so easy to always welcome it jumping for joy. You can say what about the sun, the sea, the light and the summer nights? However when you live in a city the sun and the heat are not fun considering you can’t go swimming in the river! But It’s exactly the city then to amaze you, because even the city is transformed by  summer with new colors, lights and in the scent. Do you know the smell of summer in the air, right? Summer is the feeling of time that goes by, it starts with a receipt of the previous months, what you have achieved, the people you have met, the things you were not able to change and when it ends leave you different. It is the ability of summer to make us thrive like no one else.
There are summers that last a moment, they go by so quickly you have to chase days to live them. Others are so slow, sweltering and seems like the world standstill under the burning sun. There are summer of school years that we appreciate only when we are too old to be carefree. There are summers of sweet memories, summers we’ve hated, summers of failed plans and too many stars without magic.
A new summer just started and who know how much we will change, if we will learn something more about ourselves, if we will manage to get a tan, travel, find our star.
In the meantime we have started with a picnic at the park, when the sun it’s not too bright and the air it’s a little bit fresher with a proper provision of French patisserie, strawberries and ice cold drinks. Lying on the grass with a gingham short which is so picnic appropriate, we lower the volume of thoughts and start wandering about our bucket list destinations. Even when you live in a place that beautiful you feel the need to be somewhere else for the necessary time to fulfill the restless and curious explorer that lie within you. While daydreaming about Provence an eclair helps to keep a bit of melancholy away.
Some backstage moments
The French delicacies? Unfortunately they aren’t from the boulangerie down in the street. Terry went till Trastevere to buy them from Le Levain a real heaven for french patisserie enthusiasts. Anyway it is nearer than France even if it’s better not to dare Rome traffic jam because in the worst days it can take the same time of a flight to Paris.
The perfect light? the lighting could be the topic of a scientific research from the position of planets to the weather condition. However we usually get by hoping for some extra luck.
What you can’t see? Our picture perfect setting became the most attractive corner for the majority of dogs in the park. They were eager to assault the french desserts and how to blame them!

IMG_6823 copia2 copiaIMG_6936 copiaIMG_6914 copiaIMG_6923 copiaIMG_6934 copiaIMG_6925 copia copia

xoxo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...